la Camicia

È un capo molto versatile che può essere indossato, ad esempio, per lavorare alla scrivania, per partecipare a riunioni importanti o per organizzare un pranzo con un cliente, mantenendo uno stile professionale.

I materiali

È fondamentale considerare innanzitutto il materiale e la tipologia di tessuto della camicia.

Solo una scelta accurate garantirà un aspetto impeccabile durante tutta la giornata ma soprattutto uno stile più tradizionale oppure casual.

Esistono molte fibre, naturali o sintetiche, per realizzare le camicie aziendali.

Il cotone

Il materiale più utilizzato è il cotone, che dona alla pelle una sensazione di freschezza.

Il poliestere

Un altro tessuto è il poliestere pufy, antibatterico, traspirante e particolarmente elastico che garantisce movimenti fluidi.

Il cotton blend

Per unire le proprietà del cotone e del poliestere, è stato creato il cotton blend (poli-cotone), detto anche misto cotone poliestere, che mantiene forma e colore inalterati anche dopo diversi lavaggi e, soprattutto, assicura un effetto fresco in estate e caldo d’inverno.

La tipologia di tessuto

Oltre alle fibre, è bene scegliere la tipologia di tessuto che può giocare un ruolo importante per quanto riguarda lo stile della camicia.

Il Popeline di cotone, anche lavato; per esempio, è un tessuto resistente, leggero e soffice al tocco, molto fresco e traspirante, adatto a camicie primaverili/estive e ad ogni occasione.

936M – Popeline, 120-125 g/m2 – 100% cotone. Facile da trattare. Colletto all’italiana classico con stecche. Carré posteriore con 2 pieghe laterali. Taschino sul lato sinistro. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni. Orlo inferiore dritto.

Il Popeline purò essere di cotton-blend per migliorare la resistenza ai lavaggi e la stiratura facile.

934M e F – Popeline, 110-105 g/m2 – 35% cotone,65% poliestere. Facile da trattare. Colletto all’italiana rigido con stecche (uomo), colletto classico (donna). Carré posteriore con 2 pieghe laterali. Taschino sul lato sinistro. Polsini stondati regolabile a 2 bottoni. Orlo inferiore dritto (uomo), orlo stondato (donna).

Ci sono tessuti misti con particolari caratteristiche tecniche date dalle fibre al carbonio: ignifughe, antistatiche, antiacido ecc… Sono capi adatti agli ambienti industriali.

IGN08 500 01 – Poli-cotone ignifugo certificato, 150 g/m2, 98% cotone, 2% fibra antistatica carbonio. Collo all’italiana. Maniche a giro. Polsi chiusi con asole e bottoni. Abbottonatura con asole e bottoni ricoperti. Taschini con aletta fermata da velcro.

Ci sono tessuti di Popeline elasticizzato pe permettere una maggiore libertà di movimento e una vestibilità più comoda.

BRIGTON – Popeline elasticizzato, 140g/m2 – 97% cotone – 3% elastan. Vestibilità slim. Maniche lunghe. Colletto all’italiana. Polsini a 2 bottoni e abbottonatura a cappuccina. Abbottonatura con 7 bottoni tono su tono.

Il Twill, invece, grazie al suo particolare micro-intreccio, è un tessuto lucente, adatto a occasioni semi-formali.

BEL-AIR – Twill, 160 g/m2 – 100% cotone sabbiato (tocco morbido). Taglio dritto, Maniche lunghe. Colletto button-down. Polsini con bottoni regolabili e abbottonatura a cappuccina Abbottonatura a 7 bottoni tono su tono. Tasca laterale a cuore, 2 bottoni di ricambio.

Se, invece, si vuole ottenere un effetto sbarazzino, è bene utilizzare un tessuto Oxford, molto morbido e resistente, che può essere usato per occasioni lavorative formali e informali.

BOSTON – Oxford, 130 g/m2 – 70% cotone, 30% poliestere. Taglio dritto. Maniche lunghe. Collo button-down. Polsini con 2 bottoni regolabili e abbottonatura a cappuccina 7 bottoni tono su tono. Tasca lato cuore, 2 pinces laterali sul retro.

C’è anche il Denim, molto resistente e adatto per i capi da lavoro all’aperto oppure per divise casual.

Ci sono tessuti spinati Chevron che conferiscono una stile raffinato e originale.

BARRY – Denim grezzo, Jeans da 5 once – Taglio dritto (uomo), Vestibilità slim con pinces sul petto e sul retro (donna). Maniche lunghe. Colletto button-down (uomo), colletto classico (donna). Polsini arrotondati 1 bottone. Abbottonatura a 7 bottoni alla cappuccina, 1 taschino sul petto. Lavare prima del primo utilizzo.

Il tessuto utilizzato in alcune linee è il Jersey mercerizzato, valorizza la resistenza del cotone rendendolo setoso, molto morbido al tatto.

BALTHAZAR – Jersey mercerizzato, 145 g/m² – 100% cotone. Maniche lunghe. Colletto alla francese. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni con fessino. Patta con 7 bottoni. Bottoni tono su tono.

Il cotone può ovviamente provenire da coltivazioni biologiche o essere riciclato per una maggiore sostenibilità.

BASILE – Piquè 190 g/m2 – 100% cotone biologico. Maniche lunghe. Colletto classico. Polsino arrotondato regolabile con 2 bottoni. Patta con 7 bottoni. Bottoni tono su tono.

 

920M – Oxford lavato, 130 g/m2 – 100% cotone ring spun organico. Orlo stondato. Contrasti di tendenza: polsini (interno), colletto (interno). Facile da trattare. Colletto button-down. Bottoni a contrasto. Taschino sul lato sinistro. Passante di tendenza, rimovibile, per agganciare cravatte o occhiali. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni.

La vestibilità

La lunghezza della camicia varia in base allo stile, ad esempio smart o casual (ovvero dentro o fuori dai pantaloni).

Se la camicia andrà inserita nei pantaloni dovrà essere abbastanza lunga perché, se la lunghezza non è adeguata rischierà di uscire fuori.

Per controllare basta alzare le braccia e verificare se la camicia rimane dentro.

Infine, se l’orlo rotondo vuol dire che è stata pensata per essere inserita nei pantaloni; cioè la così detta  “coda” (la parte centrale posteriore) dell’orlo aiuta a rimanere in ordine.

Se invece è previsto tenere la camicia fuori dai pantaloni per un abbigliamento più casual, il capo dovrà essere un po’ più corto del solito, l’orlo potrà essere anche dritto.

Questo assicura un look ordinato anche indossando altri capi (evitando ad esempio che la camicia sia più lunga della giacca).

Anche in questo caso si può controllare la lunghezza della camicia alzando le braccia: se la pancia rimane scoperta devi optare per una lunghezza maggiore.

BALTIMORE – Popeline, 105 g/m2 – 35% cotone, 65% poliestere. Taglio dritto. Maniche lunghe. Colletto rinforzato. Polsini 2 bottoni regolabili. Abbottonatura a 7 bottoni tono su tono alla cappuccina. Tasca laterale a cuore, 2 comode pinces sul retro.

Il taglio

Cosa si intende per “fit” di una camicia? E’ come veste il capo, è molto importante per il comfort di chi l’indossa.

Possiamo individuare alcune principali tipologie di vestibilità: Classic-fit, Custom-fit e Slim-fit.

Poi ci sono i tagli sciancrati da donna.

Classic-fit

I modelli di camicia Classic-fit sono capi con vestibilità regular, sono le camicie le più classiche in assoluto.

Si caratterizzano per:

  • vestibilità comoda;
  • taglio ampio;
  • giromanica morbido;
  • assenza di cuciture e pinces sulla schiena.

Date queste caratteristiche le Classic-fit sono le camicie più adatte a chi ha una corporatura robusta.

BRODY’S – Chevron, 125 g/m2 – 82% cotone, 18% poliestere. Taglio dritto. Colletto alla francese piccolo. Maniche lunghe. Polsini regolabili con bordo arrotondato 2 bottoni. Abbottonatura a 7 bottoni alla cappuccina. Materiale testurizzato.

Slim-fit

La camicia aderente è per i più “modaioli”.

La camicia Slim-fit, di solito, si presenta così:

  • aderente ai lati del corpo, di cui mette in risalto tutte le linee;
  • giromanica stretto;
  • piences sulla schiena.

La vestibilità sfiancata rende questo modello più adatto a chi ha un fisico snello e asciutto.

BLAKE – Popeline elasticizzato, 120 g/m2 – 97% cotone, 3% elastan. Vestibilità slim. Maniche lunghe Colletto classico moderno. Polsini con 2 bottoni. Abbottonatura con 8 bottoni tono su tono alla cappuccina. Due pinces in vita posteriori.

Custom-fit

La camicia Custom-fit (anche denominata Tailored-fit oppure Aderente) è a metà strada tra la Classic e la Slim:

  • più aderente della Classic, ma anche più formale della Slim;
  • ha le pinces sulla schiena;
  • il giromanica è calibrato.

Questo carattere “ibrido” la rende adatta a chi non vuole rinunciare alla comodità, pur indossando modelli meno classici.

BALTIMORE FIT – Popeline, 105 g/m2 – 35% cotone, 65% poliestere. Taglio aderente. Maniche lunghe. Colletto alla francese  rinforzato. Polsini 2 bottoni regolabili. Abbottonatura a 7 bottoni tono su tono alla cappuccina. Tasca laterale a cuore, 2 comode pinces sul retro.

Fitted-cut

E’ il taglio di alcuni modelli da donna, tipicamente sfiancato:

  • risalta il punto vita;
  • ha le pinces;
  • più ampio sul petto e sui fianchi.

Sono tagli per modelli da donna, spesso a manica a ¾.

EDEN – Popeline elasticizzato, 140 g/m2 – 97% cotone, 3% elastan. Vestibilità slim. Maniche lunghe Collo con bottone singolo. Polsini con 2 bottoni regolabili. Abbottonatura con 7 bottoni tono su tono alla cappuccina. Pinces davanti e dietro.

La lunghezza delle maniche

Quando è previsto che la camicia sia indossata con una giacca, la lunghezza giusta della manica della camicia dovrebbe arrivare alla radice del pollice e dovrebbe avvolgere il polso come un ferro di cavallo per fare in modo che, anche se la manica fosse un pochino lunga, il polsino non scivoli giù al centro della mano.

Le maniche corte

 La shirt a maniche corte non è considerata una camicia vera e propria. Questo perché si pensa che non possa essere indossata sotto la giacca o con cravatta e farfallino: questa visione è ormai superata!

BROADWAY – Popeline elasticizzato, 140 g/m2 – 97% cotone, 3% elastan. Vestibilità slim. Maniche corte. Colletto a bottone singolo. Abbottonatura con 7 bottoni tono su tono.

Ma quali possono essere gli abbinamenti?

Per esempio:

  • con pantalone Khaki: non essendo una polo, può essere indossata all’interno del pantalone kaki, per un look comodo, fresco e ricercato;
  • con Jeans: per un effetto più casual, può essere indossata sul jeans a prescindere dalla fantasia e dal colore.
  • con papillon e cravatta: le camicie a maniche corte possono essere indossate con papillon e cravatta qualora vogliamo dare al nostro outfit un tocco maggiormente hipster. In questo caso possiamo anche azzardare includendo delle bretelle.
  • con bermuda (short): un vero classico, spendibile soprattutto in ambienti balneari e informali.

BROOKLIN – Twill, 160 g/m2 – 100% cotone sabbiato (tocco morbido). Taglio dritto. Maniche corte. Colletto button-down. Abbottonatura a 7 bottoni tono su tono. Tasca laterale a cuore, 2 bottoni di riserva.

923M – Oxford, 130-135 g/m2 – 70% cotone pettinato, 30% poliestere. Facile da trattare. Colletto all’italiana rigido con stecche. Orlo stondato.

La manica corta oppure a ¾ è invece molto comune nei modelli da donna.

946F – Popeline elasticizzato, 140 g/m2 – 97% cotone, 3% elastan. Facile da trattare. Colletto classico. Pince su busto, orlo anteriore e pannello posteriore, per una forma attillata. Eleganti maniche ¾ con polsino con spacco. Orlo stondato.

Il colletto

Il colletto è una delle parti più caratterizzanti di una camicia e, soprattutto, rimane uno dei punti più visibili quando si indossa una giacca oppure un pullover.

I colletti possono essere rinforzati da stecche.

La macro-differenza in questo caso è data dall’ampiezza, ossia la distanza tra le punte frontali del collo.

I tipi di colletto

Per uno stile classico, è bene indirizzarsi sul collo italiano: leggermente stretto, è la soluzione migliore per chi vuole impreziosire la camicia con una cravatta.

Le vele sono allungate e le punte accentuate. Richiama il gusto della tradizione tipico di un business-man.

Ben più ampio è invece il collo francese che presenta vele e punte ridotte e un’ampiezza molto più accentuata. Viene utilizzato per creare un effetto moderno e giovanile.

Ci sono poi dei colletti intermedi (i così detti semi-italiano e semi-francese).

BLAISE – – Micro Twill, 115 g/m2 – 100% cotone. Non richiede stiratura. Maniche lunghe. Colletto francese. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni con fessino. Patta con 7 bottoni.

Anche il collo alla coreana è diventato di tendenza sia nella moda ufficio maschile sia in quella femminile: si tratta di un colletto di ispirazione orientale, realizzato per mezzo di una banda di tessuto sottile priva di alette.

Conferisce al capo un aspetto semplice, senza fronzoli, ma al contempo d’impatto.

BART WOMEN – Popeline, 120 g/m2 – 60% cotone biologico, 40% poliestere riciclato. Collo alla coreana. Maniche lunghe. Abbottonatura nascosta. Polsini regolabili. Spacchi laterali.

Infine c’è il collo con bottoni all’americana (collo botton-down) che può essere più o meno lungo. E’ di solito utilizzato per stili meno formali, i bottoni mantengono ile punte del colletto ferme.

956M – Micro Twill, 120 g/m2 – 100% cotone. Facile da trattare. Orlo stondato. Non stiro. Colletto button-down. Carré posteriore con 2 pieghe laterali. Taschino sul lato sinistro. Polsino tagliato ad angolo dallo stile contemporaneo, regolabile con due bottoni e con occhiello per gemelli.

 

964M – Popeline, 125-130 g/m2 – 84% cotone, 16% poliestere. Polsini (interno), colletto (interno) con bordo in contrasto. Facile da trattare. Sotto il colletto button down. Pattina con bordo in contrasto attorno a bottone inferiore. Colori in contrasto su asola dei polsini e occhiello inferiore. Su pince sulla parte posteriore migliorano la vestibilità. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni, con occhiello per gemelli. Orlo stondato.

I polsini

Generalmente, vengono abbinati al collo e scelti in base allo stile della camicia.

Per esempio, il polsino rotondo, stondato e tenuto chiuso da un bottone singolo, crea un effetto morbido e fresco in un contesto formale. Al contrario, il polsino diritto richiama un outfit casual, ideale per una giornata ordinaria in ufficio. La via di mezzo tra le due soluzioni può essere il polsino smussato, così definito perché gli angoli sono di 45°.

Viene apprezzato per la sua versatilità, tanto che si può usare sia un contesto elegante, sia in una semplice giornata lavorativa.

924M – Popeline, 110-105 g/m2 – 65% cotone, 35% poliestere. Facile da trattare. Colletto all’italiana rigido con stecche. Polsini stondati regolabili a 2 bottoni, con occhiello per gemelli, Orlo stondato.

La chiusura del polsino può essere realizzata in tanti modi:

  • fessino: è un elemento fissato sulla manica a monte del polsino. Uno spacchetto di forma appuntita che conferisce un tocco d’eleganza;
  • regolabile: è una chiusura regolabile in funzione della dimensione del polso;
  • a due bottoni: è di solito una chiusura per polsini smussati a due bottoni;
  • a un bottone: è di solito una chiusura per polsini dritti, con un solo bottone.

922M – Oxford pettinato, 130-135 g/m2 – 70% cotone, 30% poliestere. Manica lunga con colletto semi francese con stecche, polsino regolabile con due bottoni e occhiello per gemelli, orlo stondato, bottone di ricambio.

L’abbottonatura frontale

Esistono svariati modelli di bottoni, dai più classici, ai più estrosi.

Un primo aspetto da considerare è il materiale del bottone. Può essere madreperla naturale, legno, metallo smaltato o plastica.

Un altro fattore di scelta dei bottoni è la dimensione: in genere, variano dagli 11 mm ai 20 mm, con uno spessore che va dai 2 mm ai 3 mm.

Il bottone si rivela quindi un elemento di stile molto versatile: può essere classico e discreto o più giovanile e ricercato, in tono col tessuto o in colore a contrasto, può “scomparire” nascosto da un doppio cannoncino.

Le abbottonature frontali possono essere:

  • liscia senza cannoncino;
  • alla cappuccina con cannoncino;
  • nascosta con copri-bottone.

BART – Popeline, 120 g/m2, 60% cotone proveniente da agricoltura biologica, 40% poliestere riciclato. Maniche lunghe, collo alla coreana, abbottonatura nascosta, polsini regolabili.

 

BURMA – Popeline lavato, 110 g/m2, 100% cotone – Taglio dritto, maniche lunghe, polsini dritti 1 bottone, abbottonatura alla cappuccina, abbottonatura a 7 bottoni. Linguetta di regolazione per regolare la lunghezza delle maniche, 2 tasche sul petto con patta abbottonata.

Come puoi renderlo unico? Ecco le personalizzazioni più adatte!

2

Transfer serigrafico

Più informazioni >
3

Stampa serigrafica

Più informazioni >
4

Stampa digitale 360

Più informazioni >

Scarica i cataloghi

Richiedi informazioni